THE BIG SHORT – IL GRANDE SCOPERTO

the big short


Autore: Michael Lewis

Traduzione: Matteo Vegetti

Titolo originale: The Big Short. Inside The Doomsday Machine

Copyright © 2010 by Michael Lewis, 2011 RCS Libri S.p.A.

Scommettere contro il sistema e guadagnarci. È quello che ha fatto un piccolo gruppo di speculatori visionari dopo aver intuito cosa stava succedendo sul mercato, ben prima dello scoppio della crisi mondiale nel 2008. Ne hanno approfittato, facendo a volte precipitare gli eventi e uscendone vincenti. “La grande scommessa” è la storia della crisi dal loro punto di vista. Personaggi fuori dagli schemi, “eroi” dai caratteri difficili, sconosciuti ai più ma fondamentali per capire che cosa è successo veramente. Una coppia di ragazzi partita con 100 mila dollari da un garage; un medico che gioca a investire a tempo perso nelle (pochissime) ore libere e divulga consigli finanziari in un forum; il trader arrogante che pensava di saperne una più degli altri, e che scoprirà di aver ragione. In comune, una certa “eccentricità” che li ha portati a non ascoltare il senso comune, la droga collettiva che spingeva tutto il resto del mercato a pensare che i rendimenti sui mutui e sui derivati non sarebbero mai finiti.


Non era bipolare. Era semplicemente  isolato e alienato, pur senza sentirsi solo né profondamente infelice.

Aveva l’abitudine di fermarsi nel bel mezzo di una frase e balbettare “eh eh eh” come se in un modo o nell’altro fosse turbato dai suoi stessi pensieri.

La capacità da parte dei trader di Wall Street di attribuire a se stessi i loro successi e al management della società i fallimenti si sarebbe palesata nuovamente in seguito, quando le loro società, che nei periodi di vacche grasse respingevano sdegnosamente qualunque regolamentazione pubblica, chiesero a gran voce di essere soccorse dal governo durante la crisi. Il successo era una vittoria personale; l’insuccesso era un problema sociale.

Come si fa a spiegare a un innocente cittadino del cosiddetto “mondo libero” l’importanza che riveste un credit default swap sulla tranche AA di una collateralized debt obligation garantita da mutui subprime?

Una delle cose che aveva appreso riguardo la sindrome di Asperger, da quando aveva scoperto di esserne affetto, era il ruolo rivestito dai suoi interessi. Erano un rifugio sicuro in cui aveva modo di allontanarsi da un mondo ostile.

E iniziò a spiegarmi com’era andata: come le banche d’investimento di Wall Street, in un modo o nell’altro, avevano imbrogliato le agenzie di rating convincendole a dare la loro benedizione a interi insiemi di mutui spazzatura; come ciò aveva messo le società finanziarie in condizione di concedere crediti per svariate migliaia di miliardi di dollari a comuni cittadini statunitensi; come questi ultimi avevano accettato volentieri e avevano detto tutte le menzogne che dovevano dire per ottenere i crediti; come la macchina che trasformava i mutui in obbligazioni presumibilmente prive di rischio aveva smesso di valutare i rischi effettivi; come il problema aveva assunto una tale portata che il finale sarebbe stato catastrofico e avrebbe avuto gravi conseguenze sociali e politiche.

Voleva che ci confrontassimo sul suo ragionamento[… ]per verificare se pensavo che fosse matto.

Un pensiero riguardo “THE BIG SHORT – IL GRANDE SCOPERTO

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...